L'oro sale ai suoi massimi da ottobre 2012

22/5/2020

@Reuters

Lunedì l'oro è salito dell'1%, raggiungendo il suo massimo da oltre sette anni a questa parte, in quanto i lugubri dati statunitensi hanno sottolineato quanto la pandemia di COVID-19 abbia danneggiato l'economia mondiale, mentre il palladio è salito di oltre il 9% su una domanda migliore del previsto.

Un dipendente prende granuli di oro puro al 99,99 per cento presso lo stabilimento di metalli non ferrosi di Krastsvetmet, uno dei maggiori produttori mondiali nel settore dei metalli preziosi, nella città siberiana di Krasnoyarsk, in Russia, il 22 novembre 2018. REUTERS/Ilya Naymushin/Files

L'oro a pronti è salito dell'1% a 1.759,13 dollari per oncia di 0708 GMT, dopo essere salito al suo massimo dal 12 ottobre 2012 a 1.764,46 dollari. I futures sull'oro USA hanno guadagnato lo 0,9% a 1.772,70 dollari.

"I mercati stanno valutando i prezzi in quanto la ripresa (economica) sarà un po' più lenta di quanto previsto in precedenza, e questo probabilmente richiederà un ambiente di tassi più bassi", ha detto l'analista di IG Markets Kyle Rodda, aggiungendo che i dati economici statunitensi "davvero poveri" di venerdì sono stati il grande catalizzatore.

I dati di venerdì hanno mostrato che le vendite al dettaglio e la produzione industriale degli Stati Uniti sono crollate in aprile, mettendo l'economia sulla buona strada per la sua più profonda contrazione dai tempi della Grande Depressione.

Il presidente della Federal Reserve, Jerome Powell, ha detto che la ripresa economica degli Stati Uniti potrebbe durare fino all'anno prossimo e che un ritorno completo potrebbe dipendere da un vaccino contro il coronavirus.

La Banca d'Inghilterra sta anche esaminando con maggiore urgenza opzioni come i tassi d'interesse negativi mentre l'economia scivola in un profondo crollo del coronavirus, secondo il suo capo economista.

L'oro è considerato un investimento interessante in tempi di turbolenze politiche o economiche. Tassi d'interesse più bassi riducono anche il costo opportunità di detenere lingotti non cedevoli.

Aggiungendo al triste scenario economico è stato rinnovato l'attrito sino-americano, con il ministero del commercio cinese che domenica scorsa ha dichiarato di essere fermamente contrario alle ultime regole degli Stati Uniti contro Huawei e di voler prendere tutte le misure necessarie per salvaguardare i diritti e gli interessi delle imprese cinesi.

"C'è una maggiore volatilità, dato che la retorica sta diventando molto calda, e soprattutto dagli Stati Uniti. Questo sta manifestando una certa debolezza nei mercati sensibili alla crescita, e in particolare nei mercati sensibili alla Cina", ha detto Rodda.

Riflettendo il sentimento degli investitori, le partecipazioni di SPDR Gold Trust, il più grande fondo quotato in oro del mondo, sono salite dello 0,8% a 1.113,78 tonnellate venerdì.

Tra gli altri metalli preziosi, il palladio è salito del 3,3% a 1.964,54 dollari l'oncia, dopo aver superato il 9% nella sessione precedente.

"Sia il palladio che il platino sono in forte crescita dopo che il World Platinum Investment Council (WPIC) ha fornito le sue previsioni aggiornate sui metalli", ha detto Edward Moya, un analista di mercato senior del broker OANDA.

"Il WPIC ha evidenziato che le prospettive per entrambi i metalli sono migliori del previsto, e che l'impatto del COVID-19 potrebbe essere minore (del previsto)", ha detto, aggiungendo che il mercato si muoveva con ottimismo rispetto alla domanda di autocatalizzatori in Cina e in America.

Il platino ha guadagnato l'1,1% a 806,55 dollari, mentre l'argento è salito del 3,7% a 17,23 dollari.

In relazione a Harshith Aranya e K. Sathya Narayananan in Bengaluru; Editing di Subhranshu Sahu e Louise Heavens.

Insights